I moduli di Fondoposte

Gestisci la contribuzione

Come fare per...

...variare l’aliquota contributiva mensile che verso a Fondoposte?

Cambiare la quota mensile versata a Fondoposte è possibile in qualsiasi momento. Per farlo occorre compilare l’apposito modulo 7 “Variazione aliquota contribuzione” e inviarlo a Fondoposte con le modalità riportate sul modulo stesso. Fondoposte provvederà ad inviare il modulo al tuo Punto Amministrativo di riferimento, il quale provvederà ad effettuare le modifiche sulle tue trattenute mensili.

Quanto tempo occorre per l’evasione della richiesta di variazione aliquota contributiva?

La richiesta di variazione dell’aliquota è destinata a produrre effetti dal 1° aprile, 1° luglio, 1° ottobre, 1° gennaio, se pervenuta al datore di lavoro rispettivamente, entro il 15 marzo, il 15 giugno, il 15 settembre ed il 15 dicembre.

Esiste un limite minimo/massimo di aliquota contributiva?

Il limite minimo di contribuzione per poter beneficiare del contributo datoriale del 2,3% è quello dell’1%. Non esiste un limite massimo di versamento. L’aliquota può essere modificata con multipli di 0,5 punti percentuali.

Esempio: da 1,0% a 2,5% o viceversa.

Attenzione! Tieni presente che l’importo massimo deducibile annuale resta di 5.164,57€, pertanto se l’aumento dell’aliquota contributiva dovesse portarti a superare il suddetto limite di deducibilità, dovrai comunicare al Fondo, per la quota eccedente, la non deduzione dei contributi, per non incorrere ad una doppia tassazione degli stessi al momento del riscatto della posizione.

Come faccio a verificare che la mia richiesta è stata evasa?

Puoi verificare l’esito della richiesta rilevando l’avvenuta variazione dell’aliquota contributiva direttamente nel cedolino dello stipendio, precisamente nelle sezioni “PREV. COMPL.” e “CONTR.C/dip.ME.”, nelle quali vengono riportati gli importi corrispondenti ai versamenti destinati a Fondoposte.

In alternativa, puoi sempre accedere alla tua Area Riservata del sito di Fondoposte e verificare l'aliquota percentuale contributiva a tuo carico, la quale viene aggiornata ogni mese.

Cambiare l'aliquota contributiva ha un costo?

No! La richiesta di variazione aliquota contributiva è gratuita.

Procediamo

1 ...

Scarica e compila il modulo

Scarica il modulo e compilalo in ogni sua parte, ricordando di indicare la percentuale del versamento che intendi effettuare mensilmente. Ti ricordiamo che per poter beneficiare del contributo datoriale, occorre versare un importo minimo, a proprio carico, pari almeno all’1% della tua retribuzione utile al calcolo del TFR.

2 ...

Ricorda di verificare l’avvenuta variazione sul tuo cedolino paga!

Il processo di variazione aliquota contributiva non è di competenza del Fondo, ma del tuo Datore di Lavoro. Fondoposte provvederà ad inviare il modulo alla Azienda, la quale avrà cura di effettuare la modifica. La richiesta di variazione dell’aliquota è destinata a produrre effetti dal 1° aprile, 1° luglio, 1° ottobre, 1° gennaio, se pervenuta al datore di lavoro rispettivamente, entro il 15 marzo, il 15 giugno, il 15 settembre ed il 15 dicembre. Puoi verificare l’avvenuta variazione controllando gli importi indicati nell’apposita sezione “Prev. Compl.” presente sul tuo cedolino paga.

3 ...

Invialo a Fondoposte

Invia il modulo correttamente compilato e firmato tramite email all’indirizzo di posta elettronica fondoposte@fondoposte.it o tramite PEC all’indirizzo fondoposte@pec.it.