I risultati di entrambi i comparti di Fondoposte si confermano positivi anche nel primo semestre 2021 | Fondoposte

Gestione finanziaria

I risultati di entrambi i comparti di Fondoposte si confermano positivi anche nel primo semestre 2021

+ 2,83% rendimento del comparto Bilanciato
Il rendimento ottenuto dal comparto Bilanciato risulta essere superiore sia al benchmark di riferimento (+2,65%) che al tasso di rivalutazione del TFR (+1,42%).

La gestione finanziaria del comparto ha beneficiato, anche in un contesto di mercato incerto e volatile che ha caratterizzato il primo semestre dell’anno, dell’elevata diversificazione degli investimenti previsti dalla politica di investimento deliberata dal Consiglio di Amministrazione del Fondo.

Il comparto Bilanciato infatti prevede investimenti di tipo obbligazionario per il 70% circa sui mercati obbligazionari globali e per la restante parte sui mercati azionari globali. A partire dalla fine del 2020 è stato inoltre avviato un programma di investimenti in fondi di private equity e private debt fino ad un massimo del 10% delle risorse del comparto. 

Il comparto Bilanciato ha l’obiettivo di perseguire rendimenti superiori al tasso di rivalutazione del TFR su un orizzonte temporale di medio/lungo periodo e risponde alle esigenze di un soggetto che non è prossimo al pensionamento o che accetta un’esposizione al rischio moderata.

+ 1,24% rendimento del comparto Garantito
Il rendimento ottenuto dal comparto garantito risulta essere positivo e sostanzialmente in linea con il tasso di rivalutazione del TFR (+1,42%).

La gestione finanziaria del comparto, caratterizzata prevalentemente da investimenti obbligazionari, ha l’obiettivo di perseguire rendimenti comparabili al tasso di rivalutazione del TFR su un orizzonte temporale pluriennale. La presenza della garanzia di restituzione del capitale versato consente di soddisfare le esigenze di un aderente con una contenuta propensione al rischio o ormai prossimo alla pensione.

Ricordiamo che il comparto Garantito prevede una garanzia di restituzione dei contributi versati al momento del pensionamento e negli altri casi previsti dalla normativa vigente (decesso, invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo, inoccupazione superiore a 48 mesi); l’attuale convenzione stipulata con il gestore estende la garanzia anche alle prestazioni di anticipazione per acquisto/ristrutturazione della prima casa di abitazione, spese sanitarie, Rendita integrativa temporanea (RITA) ed a tutte le tipologie di riscatto della posizione individuale maturata.

Nei prossimi mesi l’andamento della gestione finanziaria sarà probabilmente ancora influenzato da una elevata volatilità dei mercati finanziari determinata da uno scenario che resta incerto nella sua evoluzione e che rimane caratterizzato dalla presenza di alcuni fattori di rischio, come il riaccendersi di ulteriori ondate della pandemia o nella valutazione della temporaneità dei recenti aumenti dell’inflazione. Vogliamo, pertanto, ricordare ancora una volta a tutti gli iscritti la necessità di scegliere il comparto principalmente sulla base del prevedibile periodo di permanenza nel fondo senza lasciarsi condizionare dai risultati di breve termine.

* * * * * *

I risultati ottenuti da entrambi i comparti, unitamente ai benefici fiscali e al contributo versato dell’azienda a seguito dell’adesione del lavoratore al Fondo, confermano il vantaggio dell’iscrizione a Fondoposte rispetto al mantenimento del Tfr in azienda.

Invitiamo gli aderenti a verificare nel tempo la coerenza del comparto scelto con i propri obiettivi previdenziali ed a consultare la Nota Informativa o contattare il Fondo all’indirizzo fondoposte@fondoposte.it per ogni ulteriore informazione necessaria.